• Bivacco Umberto Sacchi920x360
  • 3-cime
  • fondo

  • monviso
  • Bivacco Sacchi
  • Tre Cime di Lavaredo e Monte Paterno
Stampa

28 gennaio 2018 Escursione Da Vernazza al presepe di Manarola

on . Postato in escursionismo

manarola

logo escursionismoPartenza: via Atleti azzurri d’Italia, Piacenza ore 07,00 - Rientro ore 20,00

Arrivo a: stazione ferroviaria di La Spezia ore 10,00

partenza: 20 m circa arrivo: m 30 - dislivello positivo: 600 m

distanza: 12 km

totale: 5h + soste

Scala delle difficoltà CAI: E: Escursionistica

Pranzo al sacco

Acqua sul tracciato: nei paesi

Abbigliamento consigliato: media montagna autunno 

Si arriva con il pullman alla stazione ferroviaria di La Spezia (ore 10,00), si acquistano i biglietti e si sale sul treno direzione Genova fermandosi alla stazione di Vernazza.

VERNAZZA - CORNIGLIA- Difficoltà:media - Distanza: 4,26 km - Durata: 1 ora 30 min

Da Vernazza attraverso le viuzze del paese si raggiunge l’inizio del sentiero e si arriva in pochi minuti alla torre superiore delle fortificazioni. La salita continua, abbastanza ripida fino al punto panoramico Punta Palma (208 metri sul livello del mare). Da qui si prosegue con una successione di dislivelli alti e bassi difficili e ci si affaccia sulla spiaggia di Guvano immersi in campi coltivati, oliveti, vigneti e prati fioriti. Continuando sul percorso su un pendio facile si raggiunge il paese di Corniglia, il più piccolo dei cinque villaggi. Corniglia si erge su un piccolo promontorio a 100 metri sopra il mare.

CORNIGLIA - VOLASTRA - MANAROLA - Difficoltà media - Distanza 7,7 km - Durata 3 ore e 30 minuti.

Da Corniglia si sale sul retro della chiesa di San Pietro, in stile gotico-genovese risalente al 1350 edificata sui resti di un precedente edifico risalente al XII secolo, prendendo il sentiero 7A fino all’incrocio con il sentiero 6D in direzione Volastra e si giunge al piccolo abitato di Porciana, probabilmente anch’esso di origine romanica, costituito da case in sasso parzialmente ristrutturate che godono di una vista mare mozzafiato e si accede alla zona più coltivata delle Cinque Terre e cioè le due famose coste di “Valle dei Pozzi” e della “Posa”; dai vitigni allevati in quest’ultima costa la Cantina Cinque Terre produce un vino speciale di qualità superiore e cioé “Costa da’ Posa di Volastra”. Il sentiero finisce sul piazzale della chiesa romanica di Volastra, santuario dedicata a Nostra Signora della Salute risalente al X secolo, dove si trova uno splendido blocco di pietra arenaria con una croce in ferro. Pare che il nome derivi dal latino "vicus oleaster", ovvero villaggio dell’olio ed in effetti scendendo verso Manarola siamo completamente circondati da olivi centenari. Prima di arrivare a incrociare la strada asfaltata, abbandoniamo il sentiero principale per svoltare a destra un'indicazione ci inviata ad una via alternativa per scendere a mare.

Il suggerimento viene davvero apprezzato, dopo un primo tratto pianeggiante il sentiero scende verticalmente, fate molta attenzione, ci sono passaggi davvero ripidi ma il panorama è incommensurabile. Sotto Manarola e solo mare di fronte. Scendendo attraversiamo il presepe che Mario Andreoli, ogni anno con grande merito e perizia, prepara per le feste natalizie. Per il rientro prendiamo il treno alla stazione di Manarola e, a La Spezia, ci aspetta il pullman per il rientro.

 manarola1

 

 

 

 

Mighty Free Joomla Templates by MightyJoomla | Design Inspiration from csstemplatesmarket